Attualità Cinema

Brick Mansions: l’ultimo film del mitico Paul Walker

Paul Walker

Ricordo quando quattordici anni fa andai ail cinma a vedere il primo Fast and Furious. ZOT! Io e i miei amici restammo folgorati. Con quella serie di film poi ci siamo cresciuti, vedendo i drift di O’Conner e Toretto e aspettando sempre un nuovo capitolo della saga. La schiera di appassionati, disseminati in tutto il mondo ha subito un bruttissimo colpo quando lo scorso 30 novembre, l’attore protagonista, Paul Walker, è rimasto ucciso durante una delle sue tante corse automobilistiche.

Brick Mansions

Brick Mansions

L’ultima pellicola portata aa compimento da Paul Walker è Brik Mansions, atteso remake di Banlieue 13.

Trama del film

In una distopica Detroit, palazzi di mattoni abbandonati da lungo tempo, ospitano ormai solo criminali pericolosi. Incapace di controllare il crimine, la polizia ha costruito un enorme muro di contenimento intorno a questa zona per proteggere il resto della città. Per il poliziotto in incognito Damien Collier, ogni giorno è una battaglia contro la corruzione. Per Lino, ogni giorno è una lotta per vivere una vita onesta. Le loro strade non dovrebbero incorociarsi, ma quando il boss della droga Tremaine rapisce la fidanzata di Lino, Damien, che vuole affrontare Tremaine per vendicare la morte di suo padre, accetterà l’aiuto del coraggioso ex detenuto e insieme dovranno fermare un sinistro complotto per devastare l’intera città.”

Parkour

Il film è una sequenza di azione, inseguimenti in macchina (e chi meglio di Walker poteva farlo?), sparatorie e tanto, tanto Parkour. Non è un caso che il coprotagonista David Belle, gia presente nel film originale francese, sia l’ideatore di questa disciplina. La nemesi del film poi è RZA, membro del Wu-Tang Clan, oltre che attore e regista. Nonostante sia un film d’azione in stile anni ’80/’90, non si eccede nella violenza e ci sono anche buoni insegnamenti ed ideali, elementi comuni alla saga di Fast and Furious.

Se vi aspettate di vedere Macbeth, ovviamente non andate a vederlo, ma se vi va un po’ di sana azione e divertimento (in stile Besson), allora driftate direttamente in sala con la vostra Skyline.

Una piccola postilla: Ieri ho visto il film in ateprima. A fine pellicola appare una fotografia di Paul Walker e una dedica alla sua memoria. La sala, con tanto di tutto esaurito, è esplosa in un fragoroso applauso. Ci manchi Paul.

Paul Walker

M. A.