News Torino Sport Torino

Il Giro d’Italia 2014 in Piemonte

Giro d'Italia 2014 Piemonte

Il Giro d’Italia in Piemonte

Il Giro d’Italia e il Piemonte. Potrebbe essere il  titolo di un libro di  memorie, pronto ad analizzare un po’ malinconicamente le gloriose gesta del passato senza una gran speranza verso quelle future. Perché il Piemonte di campioni ne ha sfornati eccome, alcuni campionissimi ,nati e vissuti nella nostra regione e tali nomi è sempre bene ricordarli: Giovanni Brunero, Costante Girardengo, Fausto Coppi, Franco Balmamion e in tempi un po’ più recenti Giuseppe Saronni, solo per citare i più vincenti. Bisogna però ammettere che da  qualche anno la “fucina campioni Piemonte” sembra essere un po’ in affanno , anche se  finalmente alcuni giovani interessanti come Diego Rosa e il torinesissimo Fabio Felline si stanno affacciando sui migliori palcoscenici dei professionisti e potrebbero regalare ben più di qualche sporadica soddisfazione nel prossimo futuro, staremo a vedere.

Giro d’Italia alla Reggia di Venaria

Intanto però l’amore tra corsa rosa e Piemonte non sembra affatto finito, perché pur mancando dei protagonisti autoctoni ,in particolare nell’ultimo decennio il Giro si è affacciato sempre più convintamente sulle strade piemontesi, inserendo  tappe decisive nella regione. Gli amanti del settore non avranno certo dimenticato le due ascese al Colle delle Finestre o la fantastica cronometro di apertura nell’anno del 150° anniversario dell’unità d’Italia con la scenografica partenza dalla Reggia di Venaria.

Giro d'Italia 2014

4 tappe in Piemonte per il Giro d’Italia

Anche quest’anno l’idillio Piemonte-Giro continuerà con ben quattro tappe sulle nostre strade, dal 22 al 25 Maggio; e se la tappa numero 14 di Sabato 24 con la sua ascesa ad Oropa affiancherà a un meraviglioso arrivo davanti al santuario il ricordo per Marco Pantani nel decimo anniversario della sua scomparsa, ricordandolo in quella che fu forse la sua ultima grandissima impresa sulle strade del Giro, sarà la tappa numero 12 il vero di clou di questo tour piemontese. Un’altra cronometro si, ma con qualcosa in più: il paesaggio. Si perché la tappa in questione si snoderà tra i paesi di Barbaresco e Barolo, con un percorso tutto da vedere ( verrebbe da dire da gustare…) tra le colline di alcuni dei vigneti più famosi d’Italia e di conseguenza del mondo. E quale forma migliore di una tappa a cronometro con le sue partenze cadenzate e il seguire corridore per corridore per dare ulteriore lustro a un’area così bella? Non solo una tappa ma un vero e proprio spot per la cultura Piemontese, e per il suo turismo, una vetrina promozionale ancor più importante nell’anno che anticipa l’Expo di Milano. Chissà che  non faccia venire l’acquolina in bocca  ai tanti turisti che fra qualche mese si riverseranno nel nostro paese!

Il Giro d’Italia a Barbaresco

Considerazioni turistiche a parte sarà una grandissima giornata di sport e di cultura e permettetemi di darvi un consiglio: se tra le vostre passioni doveste annoverare il ciclismo o una delle molteplici che si possono coltivare in quelle colline magnifiche, Giovedì 22 Maggio, se ne aveste modo, fate una gitarella verso Barbaresco. Difficilmente ne rimarrete delusi.

Piccola postilla: Torino si è candita per ospitare l’ultima tappa del Giro 2015. Giusto per non perdere…il giro!

Fulvio Pasciuti